Comune di Brugnera



Il tuo percorso: Villa Varda


Notizia

26.08.16 06:14 Età: 1 year

SOUNDPARKFESTIVAL 2016 - XV EDIZIONE

 

27 agosto 2016

Soundpark Festival
quindicesima edizione
——————————
27 agosto, dalle 18
parco di villa varda, brugnera pn
ingresso libero!


line up
——————————
JACCO GARDNER / GIÖBIA / COMANECI / MOTHER ISLAND / BEAT DEGENERATION / Michael Myers dj set


programma
——————————
dalle 18.00
aperitivo al parco
——————————
< 19.00
live
Comaneci
cena al parco
——————————
< 20.00
live
Beat Degeneration
——————————
< 21.00
live
Mother Island
——————————
< 22.00
live
Giöbia
——————————
< 23.00
live
Jacco Gardner
——————————
< 24.00
dj set
Michael Myers


JACCO GARDNER
Jacco Gardner è anticoformista ed è qualcosa di completamente diverso, distante anni luce da tutti i colleghi della sua generazione, fluttua in una dimensione temporale tutta sua.
La sua musica racchiude l’essenza della psichedelia e del pop barocco. 
Distintamente olandese, segnato dalla malinconica nostalgia dei maestri degli anni ’60, Gardner è alla pari con i migliori
nuovi artisti, ma in qualche modo più onesto.
La passione per la musica di questo giovane artista olandese nasce graziea Syd Barrett. Infatti, Jacco scopre negli
arrangiamenti accattivanti e nei giochi di parole surreali di Barrett la capacità di poter ricreare quella gioia tipica
dell’infanzia e quella paura angosciosa da incubo dei vecchi film di fiabe anni ’70. Nella sua musica non mancano i
richiami alle musiche di Studio Ghibli, all’artista Curt Boettcher e al sound The Zombies.
A due anni di distanza dall’acclamato album di debutto Cabinet Of Curiosities, a Maggio 2015 Jacco Gardner ha fatto ritorno sulla scena musicale con Hypnophobia.
Nel nuovo album il cantautore olandese si lascia andare alla spensieratezza omaggiando nuovamente la psichedelica dei primi anni ’60.
In una conferenza stampa Gardner spiega il significato del titolo del suo ultimo lavoro:
“Mi è venuto in mente il titolo Hypnophobia mentre mi addormentavo: una parte del mio cervello non voleva saperne di
spegnersi. Spesso ho problemi a mollare la presa sulla realtà, anche se preferirei di gran lunga il mondo dei sogni. Hypnophobia viene da un posto dove paure, oscurità e creatività si scontrano, come un sogno lucido un po’ inquietante. Temere una perdita di controllo gioca un ruolo decisivo in questa faccenda. Girare il mondo in tournée mi ha cambiato radicalmente.
Ho visto posti che non avevo mai visto neanche in foto, posti di cui non contemplavo nemmeno l’esistenza. Se l’album contiene una vena avventuriera è proprio grazie a tutte queste incredibili
esperienze”.
La musica di Jacco si svolge in atmosfere parallele, tra visioni bucoliche e giocosi arrangiamenti barocchi, tra il psychpop e le atmosfere fiabesche.
Jacco Gardner è sicuramente un talento emergente che non ha paura di seguire il proprio percorso unico.


GIÖBIA
La scena psichedelica italiana ritrova i suoi alfieri principali con portentoso e potentissimo album intitolato “Magnifier” uscito l’11 Settembre 2015 per la storica etichetta tedesca specializzata
in psichedelia, space rock e kraut-rock, la Sulatron Records! Giöbia sono una delle più influenti band psichedeliche italiane. La loro musica si compone di tante influenze diverse, dalle seduzioni lisergiche anni ’60, ai mantra esotici e la potenza dello space rock, portando l’ascoltatore ogni volta attraverso un vero salto in una esperienza psichedelica.
Il nome Giöbia viene da una festivività pre-cristiana che si celebrava nel nord Italia quando una pupazzo raffigurante
una strega veniva bruciato in onore delle forse della natura come rituale propiziatorio. Il nuovo album “Magnifier” è pronto a risucchiarvi in un vortice lisergico di mantra esotici e rituali
Sabbathiani.L’artwork di copertina è dell’artista Laura Giardino, che ha anche collaborato alla realizzazione dell’album
scrivendo i testi di alcuni brani (Traccia 2,3,7).La band è in tour con il nuovo album, da molti definito una pietra miliare.


COMANECI
I Comaneci nascono nel 2005 a Ravenna dall’incontro tra Francesca Amati e Andrea Carella, a cui si aggiunge dopo
pochi mesi la violoncellista Jenny Burnazzi; il trio produce subito un primo ep autoprodotto, i cui brani vengono scelti da Stefano Mordini per il proprio film di debutto nei cinema, Provincia
Meccanica. 
Nel 2006 esce il secondo ep, e il gruppo suona dal vivo in tutta Italia e prepara le canzoni per l’album di esordio Volcano, pubblicato l’anno seguente dall’etichetta indipendente romana Disasters By Choice.
Il 2009 è un anno di svolta per la band, che perde due dei componenti della band che rimarrà in mano alla sola Francesca Amati fino all’entrata nel gruppo di Glauco Salvo, con cui subito comincia una lunga serie di concerti, in Italia e all’estero. Nell’estate il duo registra l’ep Girl Was Sent To Grandma in 1914 e l’album You A Lie, con la produzione di Mattia Coletti e Bruno Dorella, che uscirà ad Ottobre dello stesso anno promosso da un tour europeo di un mese. Tra il 2009 e il 2012 i Comaneci suonano negli Stati Uniti, in Austria, Germania, Olanda, Francia, Svizzera, Grecia, Slovenia, Croazia, Bosnia, Serbia, Montenegro, Ucraina, Danimarca e in tutta Italia, e dividono il
palco con artisti come Bob Corn, Mattia Coletti, Andrea Rottin, Above The Tree, Father Murphy, Larry Yes And The Tangled Mess, Balmorhea, In Zaire e tanti altri in più di duecento concerti. Tra le altre collaborazioni si ricordano quelle con Giuseppe Palumbo, Ericailcane, Bernardo Carvalho.
Brani tratti dal disco You A Lie vengono scelti ancora una volta da Stefano Mordini per il suo film Acciaio, nelle sale nell’autunno 2012.
L’ultima uscita discografica è Uh!, lavoro che tiene impegnata la band per quasi due anni e che mostra l’affiatamento del duo rafforzato dall’intensa attività dal vivo e concentrato nella ricerca di un percorso sempre più personale. Il disco, registrato da Mattia Dallara al Deposito Zero Studio, esce per Madcap
Collective e Fooltribe il 9 Dicembre 2012.