Comune di Brugnera



Il tuo percorso: Villa Varda


Notizia

14.03.16 08:05 Età: 2 yrs

Versi divini: il Vino incontra la Poesia

 

25 marzo 2016 - ore 19

Caffé Letterario di Villa Varda,

 

 

a  cura di Elisabetta Di Sopra

in collaborazione con l’Associazione Culturale Porto dei Benandanti di Portogruaro (Venezia) al Caffè Letterario di Villa Varda, si terrà il secondo incontro di VERSI DIVINI in cui la degustazione di un buon calice accompagnerà le poesie dello scrittore Guido Cupani tratte dalla raccolta Le Felicità (Samuele Editore). Al pianoforte Federico Toffolon. Presenta Roberto Ferrari

[L’aspetto della scrittura di Guido Cupani] che balza immediatamente agli occhi è il modo di avvicinarsi alla poesia: l’autore infatti ha una formazione di ambito fisico, lavora presso l’Osservatorio Astronomico di Trieste, e interpreta in qualche modo con il medesimo approccio scientifico anche il gesto della scrittura. Ciò accade […] soprattutto per il processo stesso di creazione, che spesso parte da una osservazione dell’infinitamente piccolo o dell’infinitamente grande o comunque di un fatto reale e vivido come non mai […]. Il fatto stesso che gli attimi non possano trovare una spiegazione ed un significato è ciò che li rende preziosi ed irripetibili, dunque meritevoli di tutta l’attenzione possibile: il rischio di un vuoto assoluto viene capovolto nella speranza (più che nella consapevolezza) di un pieno assoluto, il fatto che una felicità intera sia improbabile rende ancora più preziose le felicità che ci vengono donate o, meglio, che dobbiamo cercare di cogliere. […]

Le felicità è un libro confortante. Non perché si proponga intenzionalmente di esserlo, ma perché racchiude in sé lo scrigno di un esistere possibile; non perché sfugga ai dubbi, ma perché accettandoli li affronta con un entusiasmo a suo modo contagioso. È il libro di un autore che sa scrivere, ma è soprattutto il libro di un uomo che ha motivo di farlo, e che raccontando la propria traiettoria di crescita invita lo sguardo altrui a seguirlo.

Guido Cupani ha trentaquattro anni e mezzo, è alto un metro e settantuno e pesa sessantatré chili. Ha una moglie, Eleonora, e una figlia, Emma, di un anno e mezzo. Ha volato fino a Tokyo (novemilasettecento chilometri), a Sydney (sedicimiladuecento chilometri) e a Santiago del Cile (dodicimilacento chilometri). È coautore di trentatré pubblicazioni scientifiche in astrofisica. Ha scritto duecentonovantaquattro poesie, alcune delle quali sono state pubblicate in Le felicità (Samuele Editore 2011, collana Scilla, prefazione di Giulia Rusconi) e Qualcosa di semplice sulla neve (Edizioni Culturaglobale, Cormòns 2013). Nel 2015 si è aggiudicato tre primi premi (Malattia della Vallata, Renato Giorgi, PAPS). La sua sveglia suona alle sei e venticinque.

Federico Toffolon All’attivo con 14 anni di batteria alle spalle, ex-batterista dei Wavenledge, semifinalisti del contest festival show nel 2012 e vincitori di un contest ad Azzano Decimo. Ha frequentato gli incontri mensili con il batterista Phil Mer a Padova e ha partecipato al seminario del batterista americano Dom Famularo. Diplomato in teoria e solfeggio presso il Conservatorio di Trieste, insegna batteria e percussioni ha studiato pianoforte classico con i maestri Fabrizio della Bianca e Michele Bravin, e pianoforte moderno con il maestro Giampaolo Rinaldi.