Comune di Brugnera





Inventario dei beni nel Palazzo di Guarda del Chiarissimo Signor Fabio Mazzoleni

- 1692 -

Nel mezado sopra il cortile à mezo giorno et prima

Una litieria  in quattro colonne verdi con qualche inveciatura di doradura con soprani un pagliazzo, due stramazzi, due coperte et il suo capezzale et una schiavina.

In posta al letto un scabello di noce.

Sopra il letto una croce di legno con molte reliquie incastrate dentro con suoi cristali di sopra.

Scagni patina di noce intagliati n. tre.

Una tavola al anticha in noce con piedi con sua cassetta.

Un tapedo sopra la medesima: vecchio.

Una tavola tonda in ottangolo di noghera vecchia.
Sopra la stessa un tapedo vecchio.

Un tavolino di noghera ordinario.

Tra li due balconi di mezzo giorno una Madre di Gratia con nostro Signore in brazzo con soada dorada.

Un quadro sotto la Madonna di carta con soadetta di gezzo vera soprani la Morea.

Un quadretto con soaza di gezzo vera e un altro in carton di fratellanza di religione in contro.

Sopra il camin un quadro bislongo in carta con soadetta di gezzo con soprani la città di Costantinopoli.

Soprani un quadro in tella con il ritratto di S. Lorenzo Giustinian con balze di zirmolo intagliate con doratura nelli contorni.

Doi altri quadretti in carta di fratellanza di religione con soadette di gezzo vere et uno grande de detto Santo.

Un altro quadretto di fratellanza in carta nell’altro canton di

detto mezzado con soadette vere.

Un quadretto in ottone attaccato al muro in tola con soada dorada antica e un paro soazette con S. Giovanni, la Madonna e S. Caterina.

Un altro quadro mezado in tola con soaze di noce scuro soprani  la Madona con N. Signore in brazzo.

Un altro quadro in ottone con soazze dorade all’antica in tola soprani il ritratto di nostra Madonna e Bambino.

Un altro quadro al muro mezado sopra el letto con soprani Nostro Signore che veniva calato in terra.

Sopra il scabello un quadro in tella col ritratto di Madonna e Bambino in brazzo di

Maria Maddalena soada dorada all’antica speso nel mezo.

Sottacado al medesimo di sotto un quadretto di S. Antonio e Nostro Signore con soade in gezzo.

Di sotto un quadretto con soaze di gezzo col ritratto di N.ra

M.donna e soprani il suo Christello.

Un quadro mezzano di tela con soaze dorade all’antica con il ritratto di N.ro Signore che porta la croce al Calvario.

Sopra la tola un specchio con soaze di gezzo vera.

Un quadretto d’indulgenza in carta con soazette di gezzo

Sopra la porta un quadro in tella con soaza vera et oro con soprani Madonna.

Un scagno di comodità di noghera.

Un ferro da fuoco con due pomoleti di ottone.

Nel Mezado sopra l’orto

In tramontana

Un litierin in mezzo in quattro colone colorite di diversi colori con qualche strisetta dorada con soprani un pagliazzo, due stramazzi un capezzale e due schiavine.

Soprani una coperta rossa di lana con cascami dalli capi.

Un sgabello a posta il leto di gezzo colorito di noghera.

Quattro pretine di noce intaglate compagne.

Un scagno di noce anticha.

Un altro detto rotto.

Un armer grande con quattro portelle di noce nel colto d’esso otto libri vecchi de conti della med.ma casa.

Tre mazzetti d’affittanze vecchie et molte altre carte à refuse.

Tre libri da leggere intitolati l’uno le vite di Plutarco l’altro pure Quadragesimali et l’altro pure Quadragesimali da Messa n. 3.

Nel secondo colto un libro vecchio grande.

Due sioni di rame uno grande et un piccolo.

Nel terzo colto sue staffe un scalpelo e diversa altra ferramenta vecchia.

Nel quarto colto due cadenazzi grandi due bevarelle et altra ferramenta vecchia.

In canton un tre piè di ferro alto.

Sopra lo stesso una conca d’otton grande da lavarsi le mani con un secchiello compagno attaccato al ferro di sopra.

Fra un balcon e l’altro in tramontana una mezza tavola di noghera granda.

Sopra la medesima un specchietto vecchio rotto in tre legato in soaza d’oro à fiorami.

Un quadro in tella sopra esso specchio d’un antenato della casa con soada di noce vera.

Un mezzo huomo di legno dietro la porta per porvi sopra li parasoli.

Sopra la porta un S. Francesco in tella con soaza vera.

Un quadretto con veduta dell’Avo dell’Ill. q.m Sig. Fabio in tela in grande con soaza scura.

Un quadretto sopra il sgabello della Annunciata in rame.

Un quadro sopra il capo del letto in tella con soaza con soprani un tartaro che tira di frezza.

Sopra la cavisella del letto un quadretto largo in tela soprani la presentazione di N.tro S.re al tempio al vecchio Simeone con soada vera.

Dietro un S. Antonio in tela con sua soada.

Dietro al medesimo un ritratto in tela in monte in forma in longo con sua soada.

Sopra il camin il ritratto in tela bislungo del q. Augusto fu gastaldo in casa.

Sotto il camin un ferro da fuogo con suoi pomoli d’otton tondi.

Nel mezado à Sol à Monte

Sopra il Brolo

Mezza tavola di noghera fra un balcon e l’altro.

Sopra la medesima un stavoglino con diverse cosette attorno.

Sei scagni di noghera all’anticha son sei pezzi.

Pretine di noce doi.

Una tavola d’albeo fatta al’anticha con suo tappeto soprani il med.mo.

Una litiera in quattro colonne colorita con qualche strissetta d’oro con soprani un pagliazzo doi stramazzi un capezzale doi cussini e doi coperte.

Un sgabello di noce senza cassetta.

Cinque retratti in tela compagni con soazze intagliate di cirmolo e dorate nelli contorni soprani il padre, la madre e tre figlioli Mazzoleni n.5.

Le dodici sibille in quadri dodici in quadri di tella vecchi senza soaze.

Sopra la tavola il tapedo un quadro d’un vecchio con soazette con profili d’oro in tella.

Sospeso sopra il letto un ritratto di N.ra Donna in tavola con soaza dorada all’anticha.

Accanto al medesimo un quadretto in tavola di N.ro Signore e la Madonna.

Sotto il camin un ferro da fuogo.

Otto orinali di perltro ripartiti nelle stanze n 8.

Nella sala a piè pian

Tavola da mangiar al fuogo d’albeo con suoi piedi all’anticha.

Otto scagnetti di noghera vecchi n. 1.

Careghe à costà al fogher quattro n. 4.

Una cariega da bulgaro vecchia all’anticha.

Quattro lambade una per canton d’essa sala n. 4.

Nella cusina

Tavola co suoi piedi longa in noghera.

Banchetta d’albeo per sentar.

Cassa d’albeo vecchia.

Una gramola con sua mazza.

Tre careghe de paggia.

Due alboli con suoi pagna.

Due armeri di albeo compagni attacadi al muro.

Secchi di rame dieci compreso quello attacado al pozzo.

Una brocha di rame senza coperchio.

Una cazza di rame da gettar l’aqua.

Un d’otton bazzil d’otton.

Una concha di rame.

Cinque padelle di rame fra grande e piccole con il coperchio la più grande.

Due mastelli di rame ottonati.

Due altri separadi con manichi di ferro.

Due cazzette di rame.

Una lecarda di rame con manico di ferro.

Un criveletto di rame traforato da salata.

Due scatolette di rame una al usanza e l’altra forata il capo.

Quattro tamisi.

Due stagnade di rame una senza e l’altra più grande questa con suo coperchio.

Una caldiera di rame.

Cinque spiedi di ferro fra grandi e piccoli.

Il peltro per porvi l’ampolle d’olio et accetto.

Un cortellazzo.

Quattro lumi da ogli da taccar.

Tre cazze di ferro forade due cazze e l’altra da schiuma.

Un'altra caldiera vecchia sotto alla scala.

Un'altra caldiera di rame di tenuta di quattro secchi.

Un’altra caldiera di due secchi.

Tre farsore due nove et una trista.

Due treppiè di ferro da farsore.

Quattro gradelle di ferro due tonde l’altra grande.

Una farsora da castagne.

Quattro cavedon di ferro due grandi e due mezzadi.

Un lambicco di rame col coperchio di piombo.

Un rampegon di ferro.

Quattro candelieri d’otton et una candela detta da ogli.

Due faraletti da stalla.

Sotto il camin la cadena da ferro da fuogo sudetta, paletta e trepiè vecchio.

Piatti de lattarin da tovaglia n.ro 18.

Detti mezzani da conzar sette n. 7.

La grata bassa.

Due piviette di stagno da far salami n. 2.

Due tavolette de pezza n 2.

Due crivelli uno da biada e l’altro ordinario.

Un pestaglio.

Due cucchiaini di rame n. 2.

Cucciari d’otton dodese n. 12.

Pironi di ferro sei n. 6.

Tre cordelli da cusina n. 3.

Sei scudelette di terra n. 6.

Quattro boccali vecci sani n. 4.

Tre candelabri d’otton.

Nella salla di sopra

Due bauli d’albeo  con piedi all’anticha compagni.

Un scrittorio vecchio con casseta d’albeo n. 1.

Due corde da leggio soprani n. 2.

Sacchi venti due n. 22.

Sopra una porta un quadro d’un vecchio in tella con due altri compagni per sopra le porte all’anticha vecchi.

Quattro altri quadri compagni attaccati due per parte del portico in tela cioè una Lugretia, un Europa, una Cleopatra e l’altra Giudita cn soaze intagliate.

Un quadretto vecchio in tavola di N.o Signore in Croce dirimpetto alla porta che va in granaro.

Una retreliera sotto il medesimo quadro con soprani sette schioppi cioè due da roda con sue chiavi e bandeliere tre d’azzolini et una corda et uno senza azzolino.

Sopra la porta del granaro un altro quadretto di devozion.

Due cadreghe vecchie di bulgaro in gezzi et un scagnetto.

Nella camera sopra il cortile

À man mancha

Una lieira di ferro dorato con suoi pioli à fiorami mezzi dorati con soprani un pagliazzo due stramazzi il suo capezzale et una cappa.

Un paro di pistolle da azzalino con sue fonde attacade alla colonna della medesima litiera.

Un paro de cavaletti con sue bande à piedi del medesimo letto et soprani un pagliazzo doi stramazzi un capezzale et sua cappa.

Un sgabello di noghera attacado al letiero.

Tre pretine di noghera compagne entro una delle quali è la comodità.

Una cassa di noghera anticha con sua serratura e chiavi entro della quali v’eran le cose infrascritte.

Lenzuoli para nove di lino e para otto di stoffa.

Mantelli doppi cinque e due credenziere .

In un’altra cassa di noghera pur con seradura e chiave entro della quale veran le cose infrascritte cioè:

Camise da sonno quindici n. 15

Intimelle nove quattro n.4

Tovaglioli quindesi n. 15

Fazzioli da man tre n. 3

Mentiletti doppi due n. 2

Un paier di tela chiara n. 1.

Uno scrittorio di noghera intagliato di dentro di cipresso.

Un armaro di gezzo con tre caselle e sue seradure entro una delle quali vi si attrovano.

Una coperta di tela bianca del’altare.

In un altro fazzioli da Messa n. 6.

Tovaglie d’altar nove comprese le canevazze n. 9.

Un antipeto d’altar n. 1.

Una cotta tela chiara n. 1.

Nella terza casseta di sopra due sottocoppe d’argento con l’arma Mazzoleni.

Una tazza d’argento da sputar.

Pironi d’argento nove e cucchiai pur d’argento compagni in tutto son n.18.

Una saliera d’argento quadra con suoi piedini.

Cortelli con mango d’avorio son n. 6.

Un’altra cassa di noghera vecchia senza serratura vuota.

Un specchio sopra l’armaro con sue soaze dorade in tre grandezze in circa.

Dalle parti del letto due quadretti in soaze vere sopra una de quali vi è un disegno di

Nostra Madonna con suo ritratto e nel altro del Medico Saremo.

Sopra del medesimo specchio un quadro grande in tella con sue soaze sopran il ritratto della Fede.

Dirimpetto il med.mo altro quadro consimile d’una caccia.

Un quadretto di S. Antonio in tavola con soaze di pero in cavisella del letto.

Sopra il scabello un secchiello d’aqua Santa di stagno.

Un Cristo d’avorio in Croce entro un quadretto con fondo di vellutto e sue soaze d’ebano.

Soprani un quadretto con sue soaze al’anticha in vero sopra del quale v’è la natività di n. Signore con l’offerta di Tre Maggi.

Due quadretti di N. Ma.na uno per parte di Nostro Signore antedetto alla Grecha e cinque reliquiarij attacadi al muro.

Sotto il camin il ferro da fuego e suoi cavedoni d’otton con moletta tira cenere e cava cenere.

Una conca da battesimo sopra l’armer.

Una velada di tella con suoi bottoni.

Altra simile di stameto foderada di cenedà à striche di traverso

Due chiamberlucchi ambi due di color violetto uno foderado di martora e l’altro di culatoni di volpe.

Lenzuoli di lino sopra letti para quattro n. 4.

Detti di stoppa sine canevo di sopra letti para due n. 2.

Nella camera sopra l’orto

Dirimpetto la Livenza

Una litiera con quattro colone scavade con linee dorade con soprani un pagliazzo doi stramazzi un letto di piuma capezzali di piuma tre cusini una alcova bianca imbotida e una felpata.

Un sgabello a posta il letto di gezzo.

Una cassa vecchia di noghera con serradura con entro una cassetta con reliquia di S. Bartolamio di corallo rosso con vero sopra et altra cassetta con fiori si pone nella chiesa il giorno della Sagra.

Una comodità di tolla con sua comodità di rame.

Un servizio di stagni entro una cassa di pezza con la sua serratura.

Un ferro da fuogo.

Altra cassa di noghera compagna con entro un poco di stoffa e fillo di cadevo.

Filo di canevo detto e un paro di lenzuoli in circa.

Un tavolino d’albeo da mangiar al fuoco.

Una credenza vecchia di noghera nella quale si tiene il pane.

Sopra la stessa  sette piati da capon di lattierin.

Un specchietto sopra la me.ma con soaze vere di gezzo di grandezza una in circa.

Un baul da viagio con luchetto.

Una cassetta con comodità.

Un rampegon di ferro attacado.

Un altro armer di pezza vecchia per poner il pane.

Sopra il medesimo piatto de latierin da portada.

Altra camera dirimpetto la Livenza

Che Guarda sopra il brolo

Un paro di cavalletti soprani un pagliazzo due stramazzi due capezzali doi schiavine et una coperta.

Un sgabello vecchio.

Una coperta imbotida.

Uno sgabello di noghera sopra del quale v’è expoto un quadretto.

Quattro altri santarelli di divozion et un secchietto di chiesa d’acqua Santa.

Una cassetta d’albeo entro della quale vi heran le cose infrascritte.

Un gabbano rosso di livrea per il Carrociero.

Un paro di braghesse et una velada di panno compagna alle braghesse.

Un altro paro di braghesse di giurin compagno

Un paro di calzoni et un altro paro di calze vecchie.

Una cassa di noghera anticha con seradura entro la qual si ritrovano.

Lenzuoli di lino otto n. 8.

Lenzuoli di stoppa quattordese n. 14.

Coverte bianche da letto una della quali à traforata.

Un mantiletto di lino dopio.

Tovagliati di stoppolina venti uno n. 21.

Mantili di cusina di stoppoline undeci n. 11.

Peze da pan di stoppolin tre n. 3.

Pezze da mano di stoppolino nove n. 9.

Una tavola d’albeo con soprani un tappeto vecchio.

Sopra la med.ma una cassetta di noghera vecchia.

Attacado al muro un specchio vecchio.

Altra cassa compagna con serratura vuota.

Mantili di lino dopij due n. 2.

Attacadi al muro dietro la porta un paro di stivali.

Un paro di sachette di tela triste.

Due camisiole et un paro di braghesse.

Un faciol da man di lino con merli.

Nella quarta camera

situata sopra il cortile

Una litiera verde in quattro colonne porte dorate manca un pomolo soprani un pagliazzo due stramazzi un capezzale doi cussini e tre coperte.

In piedi del letto un armaro di pezza nero con tre caselle.

Nella prina e seconda da basso nulla entro nella terza al alto il libro grande de disegni del palazzo, case coloniche e possessioni.

Quattro colonnine da vaso.

Una cassa d’albeo colorita senza la seratura con entro piatti de lattierin tra grandi e piccoli compreso una piatto grane a scacchi  venticinque n. 25.

Una fruttiera di lattierin forada et una altra senza foratura

Piatti di lattierin compreso roti et attacadi sedese n. 16

Saliera di lattierin una n. 1.

Piatti di … nove n. 9.

Un vero da candela.

Una sessola.