Comune di Brugnera





Seminario – Regione Friuli Venezia Giulia

Dal 1941 al 1999

1941

Il Seminario accoglie l’eredità del Cav. Morpurgo. La villa – parzialmente in usufrutto alla sorella Matilde - rimane disabitata per gran parte dell’anno e anche le visite di Matilde si fanno via via più rare

1961

Muore Matilde Morpurgo. I funerali si tengono nell’oratorio della Beata Vergine del Carmelo in Villa Varda e le spoglie vengono tumulate nel mausoleo di famiglia fatto erigere all’interno del parco.

Il Palazzo è completamente abbandonato.

1972

L’Azienda Regionale delle Foreste prende in considerazione la possibilità dell’acquisto dei mobili e arredi esistenti nella Villa Morpurgo in Villa Varda.

Il Centro del Mobile Livenza prende in considerazione l’ipotesi di acquisto del compendio

1974

L’Azienda Regionale delle Foreste esprime parere favorevole di massima per l’acquisto medesimo “salvo buon fine della congruità dei prezzi e conseguenti trattative”

1975

Il Seminario Vescovile di Concordia Pordenone vende la proprietà alla Regione Friuli Venezia Giulia – Azienda delle foreste. Ad eccezione del Mausoleo nonché dell’Oratorio che rimangono di proprietà del Seminario

Il Maresciallo Forestale recatosi in sopralluogo nel Parco ha accertato che sull’intera superficie boschiva erano state tagliate n. 53 piante … con il consenso dell’Economato del Collegio vescovile … allo scopo di ricavarne legname da opera per la costruzione di uno stallone

1976

La Regione FVG consegna all’Azienda Regionale delle Foreste il compendio denominato “Villa Varda” di complessivi Ha 17.87.10

Seminario Vescovile di Concordia-Pordenone dona alla Regione Autonoma FVG con efficacia differita al 2 aprile 1979 alcuni immobili pertinenti al Compendio di Villa Varda

1977

La Regione Friuli Venezia Giulia – Azienda delle Foreste stipula un contratto di comodato d’uso con il Comune di Brugnera affinché se ne serva per anni 19 … per uso parco pubblico comunale e per iniziative che verranno concordate di volta in volta con l’Azienda delle Foreste

1978

Il geom. A. Fazi elabora il progetto per il ripristino della torre e collocazione dei servizi igienici

1979

Recupero e riqualificazione della case del custode

1981

La Soprintendenza Archeologica di Trieste per i Beni Ambientali, Architettonici, Artistici e Storici dichiara Villa Varda bene di interesse storico artistico ai sensi della legge 01.06.1939 n. 1089

1982

Interventi per impedire l’ulteriore degrado delle strutture portanti in legno del tetto e dei solai nonché delle murature, decorazioni pittoriche e affreschi

1983

Restauro del Palazzo di Villa Varda a cura dell’arch. S. Varnier. Il progetto prevede la realizzazione di un centro convegni,di un museo e mostre permanenti delle attività forestali e della lavorazione del legno, ristorante e foresteria.

1984

L’Azienda delle Foreste delibera interventi nell’intento di migliorare e potenziare il soprassuolo arboreo del parco in sintonia con quanto già effettuato nel recente passato … provvedendo alla messa a dimora di n. 150 piante di alto fusto ed altrettanto cespugliame in sorte …staccionata in legno e ripristino di quella esistente, … orlature e concimazione ternaria di soggetti arbustivi ed arborei in n. di 790, potature basse a carico di n. 100 piante di alto fusto nonché sistemazione andante di viali e sentieri”

I Mostra Ornitologica organizzata dall’Associazione CICO (Centro Iniziative Culturali e Ornitologiche)

1985

Restauro muro di cinta e cancellata dell’ingresso principale a cura dell’ arch L. Bertoni

1986

Restauro pittorico degli affreschi, delle pareti e soffitti decorati in Villa Varda

1987

Lavori per l’inghiaiamento dei viali,  rifacimento passerella in legno di larice, interramento di linee elettriche e telefoniche

1988

Allestimento della mostra “La cultura della villa”

1989

Restauro della Serra e impianti di illuminazione esterna fabbricati e parco a cura dell’ arch L. Bertoni

La Provincia di Pordenone valuta il possibile trasferimento in proprietà deli immobili siti nel complesso

1990

Revisione generale tetti, alloggi e scuderia

1991

Il Comune di Brugnera delibera richiedere alla Regione FGV che vengano ceduti gratuitamente al Comune gli immobili

1992

L’Azienda delle Foreste delibera le Norme da osservare per l’utilizzo del Parco di Villa Varda ai fini ricreativi, educativi e scientifici

L’Azienda delle Foreste effettua un censimento del patrimonio arboreo. Nel parco vengono segnalati un Calocedrus Decurrens del diametro di m. 4 e alto 29  ed un Populus Nigra  con un diametro di 4,20 per un’altezza stimata in 39 metri

1993

L’Azienda delle Foreste riconsegna alla Direzione Regionale degli Affari Finanziari gli immobili che costituiscono il compendio perché non più utili ai fini istituzionali dell’Azienda delle Foreste, che continuerà a gestire il Parco di Villa Varda, sia al fine della programmata cessione al altro ente

1995

La Regione FVG ritiene in via generale opportuna la concessione in uso gratuito a favore  del Comune di Brugnera ponendo a carico del concessionario gli oneri di gestione e di ordinaria e straordinaria manutenzione  rimane a carico dell’Azienda la manutenzione del parco che abbisogna di assidua e competente azione conservativa e manutentoria

L’Azienda delle Foreste effettua un sopralluogo cui segue dettagliata relazione: a questo ufficio ,sembra che codesta Direzione, abbia concesso lla Provincia di Pordenone di utilizzare il citato fabbricato per attività culturali, probabilmente con la condizione di evitare ogni possibile danneggiameto … nella visita si è invece riscontrata una evidente trascuratezza di ogni tipo di lavoro di manutenzione alle più delicate strutture della Villa stessa … la tinteggiatura dei serramenti esterni risulta deteriorata e screpolata … il vano scale necessita ormai di tinteggiatura e di una integrale pulizia …. Il solaio del primo piano a parere dello scrivente è eccessivamente caricato dal sistema espositivo in tubi di acciaio … gli affreschi … risultano danneggiati più o meno gravemente per interventi non attenti in occasione dei lavori di allestimento delle strutture citate … diversi chiodi sono stati piantati anche su pareti dipinte ….

1995

Il Comune di Brugnera elabora il progetto per la realizzazione della pista ciclabile che collega il Municipio con il parco di Villa Varda

1999

La Regione Autonoma FVG effettua la cessione gratuita del Compendio di Villa Varda a favore del Comune di Brugnera